Blue, Blue, my life is…not Blue!

Blue is a boy’s name. So there. And if you are a girl, tough: go pick another name or the courts will do it for you!

That is the rather depressing news emerging from a Tribunal in Milano this week. Continue reading

Advertisements
Posted in News From Abroad | Tagged , , , , , , , , | 3 Comments

Italy: what i did on my holidays

Perugia…a lovely town with too many stairs!

Well, no. Not holiday. Though it was a very enjoyable visit all the same. But if you were following my Facebook and Twitter ramblings a week or so back you cannot have failed to notice i was up to SOMETHING in Italy.

According to one tweep, with whom i would definitely NOT wish to share a plane, i was being much pretentious by tweeting stuff in Italian. Though since this looped in Italian contacts, discussing events in Italy, i can’t help feeling this was rather more typical British chauvinisme (Ooops! See what i did there?)

Invite to International Journalism Festival

The start point for this visit was an invite, via the UK Trans Media Watch to speak as part of a panel at an International Journalism Festival in Perugia on coverage of Trans and Intersex issues in the media. I speak Italian. Just about. And i have previously helped the Italians with the setting up of their own TMW. So this felt like a good match.

What i hadn’t counted on was just how big an event this was. Previous experience of doing activist stuff in Italy ranged from turning up at academic funded events, which are earnest but always have that air of on-a-shoestring that attends all academic stuff, to joining in with an anarcho-vegan collective getting down on a saturday night. This was BIG…at least a couple of hundred journalists on site, regional publicity, not a few from the UK (though as far as i could tell, most of those didn’t even try with the local language).

The point? By the time i realised how big it was and how i might not get away with my usual last minute improv style of speaking twas FAR too late to back out. So i crossed my fingers, grew steadily more nervous, and explained to my cat and my son that they were in charge of the house while i was gone.

Of the two, i think i had marginally more confidence in the cat’s ability in this matter.

Comitato dei Gay e Lesbiche di Prato

At some point along the way, the one-off speaking invite for the last day of the Festival morphed into two days, as i was also invited to speak at an event on much the same topic set up by Il comitato dei Gay e Lesbiche di Prato. This was a bit more like the academic forums i am used to and covered much the same grounds as the Festival, but with Activism thrown in as extra topic.

Preparation

As already mentioned, it seemed not a good idea to turn up to speak for
the best part of half an hour in another language with minimum preparation. So i did what i usually don’t, which is wrote out what i was going to say. In english.

I fed it to Google Translate, and then sat down and read it for sense. A good example of issues with this sort of translation was my use of a phrase like “vicars and tarts” to explain press tropes in the 70’s. Google came up with “vicari e crostate”, which is half right. “Vicari” are indeed, vicars: but “crostate” are tarts only in the sense of pastry filled with a fruit compote. Not the same at all. Perhaps “mignotte” would have worked better.

Although i needn’t have bothered. Because the third stage was to talk through what i had written in detail with an Italian ally. Step forward Storm, without whose calm, organised input, this event would not have happened. It soon became clear that the very concept of “vicars and tarts” made zero sense in Italian without a long explain – i’d already dropped “panto dame” for much the same reason – so it went.

And over a few hours, the combined efforts of google, Storm, myself, produced something useful/useable. And rather than write two speeches, i recycled the first half of the Festival speech into the Comitato piece.

If you want to go see what i ended up with, the almost full text of the speech (in Italian) is here.

The joys of translation. Not to be outdone, my autocorrect attempted to convert a simple text – “cosa pensi?”/”what do you think?” – into a bizarrely obscene “cosa penis?”

How it went

I think the simple answer is “well”. The material was to the point and comprehensive and for the most part i was able to answer the questions that followed.

La Sala della vacara (where i was speaking on Sunday)

The Festival meeting was a little scary…the best part of 100 ordinary persons and journalists just there to listen…a much larger audience than i think we would get for a comparable event in the UK. I also found myself creating some bewilderment at the Comitato meeting at which i argued that we should pick our battles and that the battle for dotting the i’s and crossing the t’s on “il riconoscimento di genere” was a tad pointless.

This caused consternation. for reasons i understood later, of cultural mismatch. In Italy, gender recognition remains a long and tortuous ordeal and it is impossible to do even a part of the process without doing all of it. They can scarce imagine a system such as we have: i listened to their system and shuddered. It comes across as cold, cruel and inhumane.

And thanks…

…to all those without whom this would have been impossible. First and foremost to Storm, quiet and efficient organiser and translation checker. To Alice, who hosted me the first couple of nights. To Ethan, “il maschio alpha trans”, who spoke at both events and did much of the driving. Also to Michela of Intersexioni, who spoke at the Festival and also was involved in the organising.

And thanks, too, to the Festival, which saw fit to put me up in a brilliant hotel in Perugia – the Sina Brufani – for the Sunday night. But you must not believe everything you read on Facebook…not least any suggestion that i was bouncing up and down on my bed, or stuffing the free choccies, which came with the room, into my rucksack to take home!

Takeaway

All in all a useful event. Connections – and commitments – made. From such little beginnings, perhaps expect more of TMW Italia in the next few years, as well, fingers crossed, as the slow emergence of a wider trans-European Media initiative.

Posted in News From Abroad | Tagged , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Speech/Discorso: 14/4 – 15/4 2018

Jane Fae. Giornalista. Scrittrice. Attivista che lavora con Trans Media Watch per migliorare la rappresentazione dei media delle persone trans.

In Inghilterra stiamo passando dei brutti momenti. Siamo stati soggetti a costante attacco implacabile … a più vettori di attacco. E questo è guidato in gran parte dai media.

Il rapporto tra la comunità trans e la stampa è stato a lungo difficile, dal momento che nella stampa si alterna mancanza di rispetto a tentativi calcolati di eliminarci.

All’inizio la copertura era spesso neutrale. Ma dopo gli anni ‘60 è diventata più oltraggiosa.

La maggioranza rappresentava un “Freak show”. La narrativa diffusa era: “Guarda! Un uomo con un vestito!” accompagnato da accuse di devianza.

Il glam rock e David Bowie hanno messo all’ordine del giorno il gender bending, provocando l’indignazione conservatrice. Ma le persone trans venivano trattate come titillazione per i lettori della domenica.

Il comportamento della stampa può essere riassunto dalla cartella della tombola della stampa:

Diapositiva 1: il trans “bingo”

Misgendering, deadnaming – citare il nome pre-transizione di un individuo – e l’uso di termini specifici come “cambio di sesso” sono abusi trans-specifici, così come l’insinuare che le persone trans siano false o fraudolente o mettere in dubbio la loro autenticità.

I lettori di giornali – e quindi i giornali stessi – sono ossessionati dal diverso, dallo “strano”. I tabloid raccontano storie e, dal momento che le persone trans avevano scarso potere, costituivamo obiettivi facili. Non interessava loro che le persone rischiassero di venire ferite – letteralmente.

La tendenza dei tabloid era di fare outing alle persone o, come dicono, di “esporle”. Secondo i tabloid, l’”interesse pubblico” all’informazione in una storia, per quanto tenue, li autorizzava a esporre ogni minimo dettaglio.
Il caso più clamoroso fu l’outing di Caroline Finch (nata Cossey).

Caroline era famosa come modella internazionale e Bond Girl. Nel maggio 1989, è riuscita a convincere la Corte europea dei diritti dell’uomo a riconoscerla legalmente come donna.

Diapositiva 2: il outing di Caroline Cossey

Nel 1981, tuttavia, News of the World ha pubblicato la storia che Caroline era trans. Si parlava molto di “cambio di sesso”

C’erano, però, altri problemi:

– titoli come “falso” e “scioccato” mettevano in dubbio l’autenticità di Caroline, mentre promuovevano un senso di indignazione per giustificare il suo outing;
– copertura pruriginosa: l’attenzione sul seno di Caroline; l’illustrazione pin-up;
– pratiche discutibili che fanno presupporre che sia stato corrotto il personale medico per fornire i dati sensibili.

La domanda fondamentale, comunque, era: cosa poteva giustificare quest’ articolo? In che modo l’identità di genere di una modella popolare poteva essere di interesse pubblico? Secondo Caroline, “l’esposizione del News of the World ha rovinato la mia carriera”. La loro scusa era che Caroline era famosa. Eppure altre persone – non famose – sono state prese di mira, solo perché erano trans.

Diapositiva 3: Titoli schifosi

I titoli qui forniscono un assaggio della copertura della stampa dal 1970 al 2000. Ci sono giochi di parole e sensazionalismo. I dettagli a volte venivano inventati e talvolta venivano ottenuti illegalmente. Si insinuava devianza sessuale. Venivano inclusi nomi e le circostanze del passato, con totale disprezzo per la vita degli individui esposti all’esame pubblico.

Essere trans e avere una presenza pubblica è stato usato per giustificare questa intrusione. Qualsiasi tentativo di proteggere la propria privacy è stato fatto apparire come eccessiva segretezza giustificando l’iniziale intrusione da parte della stampa. La narrativa pericolosa e costante che veniva veicolata era che c’era qualcosa di sbagliato ad essere transessuali.

Alcuni giornali, alcuni giornalisti, hanno fatto meglio. Hanno usato un linguaggio più rispettoso e trattato i loro soggetti con moderazione. Ma sono stati una minoranza.

Eppure l’opinione pubblica stava lentamente cambiando. Nel 1996 ci fu un primo
tentativo in parlamento di dare alle persone trans il riconoscimento legale e alcuni diritti fondamentali.

Sullo sfondo, tuttavia, è emersa una controtendenza inquietante. Janice Raymond pubblicò il suo Impero transessuale nel 1979. Questo diede vita a una visione femminista radicale che sosteneva che i transessuali “violentavano i corpi delle donne” e dovevano essere “moralmente esclusi, cancellati dall’esistenza”. Questa visione ha attirato poca attenzione nel Regno Unito. Ma ha piantato i semi per gli attacchi successivi.

Man mano che il profilo delle persone trans diventava più pubblico, cominciarono a circolare le storie di “preoccupazione”. Le femministe da un lato, seguendo la linea di Raymond. I cristiani dall’altro, preoccupati per l’essenzialismo di genere. Ma anche giornalisti disinformati che hanno visto nei miglioramenti concernenti i diritti trans un’occasione per lanciare un articolo di parte sui pericoli che avrebbero potuto comportare.

È stato negli anni ’90 che gli “esperti” anti-trans hanno iniziato a emergere. La famosa femminista Germaine Greer, ha scritto del suo incontro con una donna trans:

Avrei dovuto dire “Sei un uomo. L’Eunuco Femminile ha fatto meno di niente per te. Vattene. …L’etichetta idiota mi ha chiesto di fingere di accettare questa parodia grossolana del mio sesso accettandolo come donna, fino al punto di permettergli di venire gabinetto con me.”

Attenzione! C’è un linguaggio intollerante assoluto, impensabile rispetto a qualsiasi altra minoranza. C’è lo status di Greer: e terzo, e più significativo, la natura ideologica di questo attacco. Ironia: molti commentatori della stampa rappresentano i tentativi di sopravvivenza delle persone trans come una posizione politica: una “agenda trans”.

Seguirono altri critici. Una delle più dedicate è stata Julie Bindel, che ha espresso molte “preoccupazioni” sullo sfruttamento delle persone transessuali, ma concentrandosi solo sui casi in cui vi è la possibilità di ridurre le opportunità e la cura delle persone trans.

Ha anche fatto molto per diffondere due temi negli anni successivi:

– la narrazione del rimpianto
– il focus cis: un’insistenza a perseguire le principali problematiche trans escludendo le prospettive trans o scrivendo articoli di parte.

Reazioni negative

Fino al 2016 la comunità trans ha registrato vittorie. L’empatia per le persone trans era al culmine. Molti scrittori e leader della comunità iniziarono a essere ascoltati. Anche quando la stampa non era a favore esistevano dei limiti chiari.

Ciò è stato incoraggiato da eventi come l’inchiesta Leveson – un’inchiesta commissionata dal parlamento sul comportamento della stampa – e la morte di Lucy Meadows, attribuibile in parte alle azioni della stampa popolare.

Due organizzazioni hanno contribuito a questa storia di successo. Trans Media Watch, fondata nel 2010 e AllAboutTrans nel 2011. Entrambe lavorano per migliorare la copertura mediatica dei problemi trans e intersessuali.

Ancora un passo positivo nel 2016 è stata un’inchiesta parlamentare sui diritti delle persone transgender. I commentatori mainstream hanno parlato di come abbiamo raggiunto un punto in cui essere trans è stato accettato. Eppure nel 2017, la corrente però ha presto cambiato direzione. Due eventi chiave hanno avuto un ruolo.

Il primo, la questione dell’intervento medico precoce per i minori transgender. Le buone pratiche degli Stati Uniti suggeriscono che i bambini trans possono essere diagnosticati e trattati precocemente, ma il pubblico e quindi l’establishment medico, rimane strettamente legato a “aspettare e vedere”.

Il risultato nel gennaio 2017 è stata la proiezione di un documentario sul lavoro di Kenneth Zucker, che si è occupato di terapie riparative. La BBC ha semplificato la questione in una contrapposizione tra attivisti e scienziati anche se molte delle affermazioni di Zucker sono state smentite e molti degli attivisti sono esperti riconosciuti a pieno titolo.

Sono scaturite polemiche: ma gestibili.

Poi il governo conservatore ha messo in moto un’altra controversia. La comunità trans britannica chiedeva miglioramenti nelle cure mediche, nella prevenzione degli abusi, nelle policy anti-discriminatorie.

Il processo attraverso il quale una persona transessuale poteva cambiare il genere legale, noto come atto di riconoscimento di genere, era un problema secondario che avevamo. Ci crea problemi sia il procedimento che il fatto che non esiste una via per il riconoscimento delle persone non binarie.

Senza consultare la comunità trans, il governo ha deciso nel 2017 di riformare questa legge. Le loro proposte, che non hanno spiegato al pubblico, includono l’”autoidentificazione” per le persone trans.

Questa frase è stata presa in considerazione da diversi gruppi come prova che la rivoluzione trans avrebbe permesso agli uomini di svegliarsi e affermare senza alcuna prova che fossero donne – e poi di invadere lo spazio di ogni donna come meglio credevano.

Il mito andava a colpire l’immaginario del pubblico. Ha dato il via a una massiccia campagna – o a diverse campagne – organizzate da femministe anti-trans. In apparenza, il loro obiettivo è porre domande “ragionevoli” sulla sicurezza delle donne, ma in realtà chi le sostiene è ben più violento, facendosi apertamente promotore della rimozione di tutti i diritti precedentemente acquisiti e auspicando la morte delle persone trans.

Le femministe vengono appoggiate da una serie di organizzazioni conservatrici, tra cui Conservative Woman, e anche un influente forum online che si chiama Mumsnet. Si tratta di uno spazio web in cui le mamme vanno a parlare di argomenti di interesse per le mamme. Tuttavia, negli ultimi anni questo sito web è diventato un punto centrale per l’attivismo anti-trans nel Regno Unito. I tentativi di dialogo con Mumsnet si sono rivelati infruttuosi.

Recentemente le affermazioni che a compiere la sparatoria al quartier generale di YouTube fosse una donna transessuale avevano come una delle fonti primarie il loro sito. Il sito è stato anche usato dalle partecipanti per organizzare attacchi multipli contro le organizzazioni pro-trans.

La vittoria di Trump e la reazione anti-LGBT negli Stati Uniti hanno anche contribuito. Ci sono molti punti fermi nell’ostilità anti-trans: femministe radicali; cristiani evangelici; tradizionalisti di genere anti-LGBT; e ciascuno ha la sua agenda e influenza la stampa britannica, che è sopravvissuta a tutti i tentativi di riformarla.

Due giornali importanti e influenti si sono mobilitati contro la comunità trans, sia nella lingua che nel modo in cui fanno girare le storie. Il primo è il Times, che è uno dei più vecchi e più rispettati giornali del Regno Unito. Negli ultimi sei mesi hanno pubblicato inesorabilmente storie che sono fuorvianti, false e che sono state trasformate in anti-trans.

Hanno pubblicato affermazioni su Mermaids che Mermaids ha categoricamente negato. Hanno pubblicato ricerche, condotte da femministe anti-trans che affermano che oltre la metà di tutte le donne trans in carcere sono lì per scontare reati a sfondo sessuale.

La ricerca è attribuita a un gruppo di pressione, ma per il resto anonima. Non è peer reviewed: contraddice le cifre ufficiali; ed è stato screditata da fonti ufficiali del governo. Tuttavia, il Times non solo la ha pubblicata, ma continua a rivendicarla come fonte attendibile.

I reclami inoltrati riguardo al loro stile di reporting sono stati accolti. Il giornale ha stampato una smentita. In un caso del genere, il giornalista responsabile di una storia che il Times aveva appena ammesso essere inaccurata, il giorno stesso ha usato il suo account Twitter per continuare a diffonderla.

Il secondo giornale è il Daily Mail. Qui l’immagine è meno definita, in quanto il Mail continua a stampare storie che includono una prospettiva trans-positiva e contemporaneamente produce storie di panico morale sull’ “ideologia trans”. Sembrano dividere la persona trans “buona” da quella “cattiva”. Sono ossessionati dall’idea che i bambini vengano sottoposti a lavaggio del cervello per diventare trans e che le cure mediche siano imposte troppo presto.

Per esempio, ecco un recente rapporto del Daily Mail su un discorso del cardinale Vincent, il più anziano sacerdote cattolico del Regno Unito:

Diapositiva 4: Le parole del Cardinale Vincent (secondo il Daily Mail)

Sostengono che il cardinale abbia detto alle scuole cattoliche di non incoraggiare i bambini a cambiare sesso. Che abbia detto che i bambini non possono semplicemente fare ciò che vogliono perché fanno parte di una comunità più ampia. Scrivono anche che ha attaccato i sostenitori delle campagne che promuovono le “ideologie transgender” nelle scuole.

Al contrario, ecco cosa ha effettivamente detto:

Diapositiva 5: Le parole del Cardinale Vincent (senza spin)

L’unica frase che sembra rilevante dice:

“In un’epoca di fluidità, anche nell’identità di genere, e in un momento in cui la risposta alla “differenza” è quella di chiudersi in un mondo auto-selettivo di simili e rifiutare ciò che è diverso, tali basi sono così importanti”.

Non si parla di trans e meno di ideologie. È persino possibile leggere ciò che ha detto come rifiuto della chiusura mentale e della differenza celebrativa. In altre parole, l’opposto preciso di ciò che è richiesto.

Questa costante narrativa anti-trans ha incoraggiato altri giornali. Si sono concentrati su questioni difficili: i diritti delle donne in carcere, i bambini, la sicurezza delle donne negli spazi pubblici. Affrontano molte questioni, tra cui questioni di uguaglianza di genere, come “questioni trans”: per esempio, la politica sulle donne che indossano le gonne. Trattano concetti non-binari con incredulità e scherno.

È anche diventato di moda decostruire la transessualità. Diversi articoli hanno chiesto cosa significhi essere “donne vere”. Tutto è dibattibile, il dibattito è fine a se stesso anche quando significa mettere in discussione il diritto di esistere.

Un altro fattore è che la cultura online incoraggia il clickbait. La stampa cerca di massimizzare il coinvolgimento online e la sensionalizzazione. Le stesse tendenze sono proprie dei media di trasmissione. I programmi radiofonici e televisivi cercano la massima controversia attraverso un falso equilibrio. Ogni punto di vista deve essere bilanciato da una visione opposta, anche se ciò implica la produzione di dibattiti basati su una premessa sbagliata.

L’abbiamo visto rispetto ai cambiamenti climatici. Sta succedendo con i temi trans.
Ad esempio, il programma della BBC che sosteneva uno scontro tra esperti e attivisti era preceduto da un programma di attualità che sosteneva che il problema chiave in discussione era se i bambini delle scuole primarie dovessero subire un intervento chirurgico. Questo è falso al 100%.

Recentemente ho visto affermazioni circa il fatto che le persone trans “reclutano” o che mettono a tacere il dissenso con la violenza.

Questa reazione è spesso ritratta come femminista. Tuttavia, il principale attivismo anti-trans ha le sue radici nella destra. Sui social media, la maggior parte del sentimento anti-trans, per numero, sembra ora provenire da un elemento poujadista. La brigata “mumsnet”. Nei media più ampi, gli attacchi arrivano anche da destra. La destra populista, giusto nel caso del Daily Mail; la destra establishment, nel caso del Times.

In parte, questa reazione è un riflesso del nostro stesso attivismo. Ci siamo impegnati con le autorità e con i funzionari per educare e spiegare che essere trans è una cosa genuina: non una perversione o una scelta di vita.

Siamo riusciti, in parte attraverso le discussioni, in parte perché abbiamo ragione. Gli esperti medici supportano queste proposizioni. Comprendono che il supporto per le domande di genere sui giovani è una buona cosa. Quindi abbiamo fatto progressi in tutta la società.

Questo, tuttavia, è caratterizzato come ideologia. E questa è la base per affermazioni che indottriamo i bambini. Una ovvia ragione per l’aumento del numero di persone trans è che sono disponibili maggiori informazioni. Ma i gruppi anti-trans sostengono che stiamo evangelizzando.

È difficile capire i motivi di questi attacchi. Una parte della furia anti-trans è dovuta al fatto che la destra ha perso la discussione sulle questione gay. Ma crede che non sia stato ancora sconfitto nelle lotte trans. Trans è anche una questione di cuneo: cioè, suscitando risentimento sul problema più controverso che spera di reclutare per la loro causa più ampia. Se riescono a ripristinare i diritti trans, passeranno all’attacco di lgb e diritti delle donne.

Quindi attaccano i nostri successi. Chiedere che le persone trans vengano rispettate e ricevere gli stessi diritti di tutti gli altri viene visto come tentativo di imporre una ideologia trans. Ironia della sorte, se fossimo ideologici, saremmo meglio organizzati per resistere a questi attacchi.

Una linea di attacco significativa è l’affermazione che stiamo tentando di censurare il dibattito e impedire l’espressione di visioni differenti.

Questo è difficile da combattere perché in un certo senso è vero. Gran parte del lavoro di Trans Media Watch implica il lavoro con i media per creare un linguaggio più rispettabile in merito alla questione trans. Abbiamo chiesto ai media di non indurre in errore. Non chiamare le persone trans con il nome di battesimo. Non pubblicare immagini pre-transizione a meno che l’individuo non accetti e comprenda le implicazioni.

Stiamo cercando di riscrivere i termini dello scontro. E questo è contrario al sensazionalismo, che molti giornali considerano la chiave del successo commerciale.

Questo può essere rappresentato come il modo in cui le persone devono usare il linguaggio. Va al cuore di un ricorrente dibattito inglese sul “politically correct eccessivo”. Molti nella destra affermano di credere in un diritto assoluto alla libertà di parola. Questo non è vero. In molti argomenti, è chiaro che non gradiscono la libertà di parola. Ma è una finzione credibile.

Non possiamo fare molto per spiegare questo oltre che spiegare che non vogliamo altro che rispetto nel modo in cui siamo descritti e discussi.

Più significativamente, Trans Media Watch e la comunità trans hanno svolto un ruolo chiave in una recente inchiesta ufficiale sulla stampa. È stato riconosciuto che due minoranze nel Regno Unito – viaggiatori / zingari e transessuali – sono oggetto di abusi eccezionali. Poiché eravamo meglio organizzati e forse avevamo un maggiore sostegno popolare, siamo stati chiamati a testimoniare.

Quelle prove hanno significativamente pesato sulle conclusioni dell’inchiesta, dalla quale risultava che era necessaria una maggiore regolamentazione della stampa. Ma le raccomandazioni sono state ridotte fino al punto in cui hanno avuto scarso effetto. Il governo del Regno Unito è un alleato di una stampa in gran parte di destra. Così poco è cambiato.

Ci rimane un quadro in cui la stampa può essere messa in discussione per inesattezza, ma la definizione di imprecisione è molto limitata. Anche gli individui che sono stati maltrattati dalla stampa possono protestare.
Ma non c’è il diritto di obiettare alla segnalazione che prende di mira una minoranza o che riproduce speculazioni negative su qualsiasi minoranza.

Ciò solleva una domanda importante: siamo stati troppo attivi? Perché prendendo l’iniziativa per quanto riguarda la regolamentazione della stampa, abbiamo creato alcuni potenti nemici.

Questa è una domanda molto difficile. Suggerisce che avere troppo successo per conto nostro porterà sempre a una reazione negativa. Questo è un costante dibattito nelle comunità di attivisti: se rimanere in sordina e difendere solo il cambiamento che già gode di un’ampia accettazione sociale. O muoversi per chiedere di più.

L’ironia è che la riforma del riconoscimento di genere non è una priorità della comunità trans. Se ci fosse stato chiesto, avremmo probabilmente chiesto miglioramenti nella fornitura di farmaci. Ora stiamo combattendo disperatamente una battaglia che non abbiamo scelto e per la quale non eravamo preparati.

Un secondo aspetto dell’approccio trans spesso lanciato contro di noi è l’affermazione che siamo desiderosi di chiudere il dibattito. Questo si collega agli argomenti di libertà di parola evidenziati in precedenza. Nel Regno Unito molti esperti anti-trans sono desiderosi di parlare sulle piattaforme pubbliche per “discutere” le questioni. Un simile approccio sembra ragionevole. In pratica, si tratta di mettere in discussione gli elementi essenziali di ciò che significa essere trans e il nostro diritto di esistere.

Molti nella comunità trans credono che un tale dibattito dovrebbe essere “chiuso”, per il boicottaggio e la pressione sui media. Ci sono stati dei successi. Ma non sono convinta. Temo che questi dibattiti continueranno comunque. E chiudendo il dibattito, la comunità trans è identificata come contraria al dibattito.

Se le persone trans devono perseguire tale approccio devono farlo in alleanza con altri gruppi. Femministe che non discuteranno se una vittima di stupro lo stesse chiedendo. Le persone LGB che non discuteranno il loro diritto di esistere.
Dobbiamo dimostrare come il rifiuto di discutere i propri diritti di esistere sia universale e non specifico per la comunità trans.

Al di là di questo, l’approccio di Trans Media Watch è: “Quando vanno a fondo, andiamo in alto”. Una tattica della brigata anti-trans è di provocarci in azioni o commenti intemperanti e quindi di pubblicizzare la nostra reazione. Online, il livello di malvagità diretto verso la comunità trans è enorme.

Gli attivisti trans senior hanno imparato a non rispondere. Qualsiasi cosa diciamo ci sarà rivolto contro. Ciononostante, molti giovani trans entrano nei social media e fanno ogni sorta di minacce.

Questo è un errore per due motivi. In primo luogo, di per sé, non credo che dovremmo minacciare la violenza. Dovremmo ripudiare tali minacce perché sono, semplicemente, sbagliate.

Secondo, forniscono munizioni dall’altra parte, che le usano per dipingere un’immagine di equivalenza morale. Sì, ammettono, abbiamo detto alcune cose brutte … ma anche loro. È un modo per distogliere l’attenzione dal loro cattivo comportamento. Infatti, mentre il peggior contenuto da parte nostra è in gran parte attribuibile ai giovani e agli ingenui, gran parte dei peggiori abusi dall’altra parte viene dai più maturi ed esperti.

Oltre a ciò, abbiamo imparato, nel modo più duro, che se vogliamo organizzarci in modo efficace, dobbiamo essere fuori da Internet. L’altra parte è felice di armarsi di tutto e di tutti. Diamo per scontato che ogni tweet reso online da qualsiasi persona trans significativa verrà registrato e visualizzato quasi subito.

Ogni reazione avventata alla provocazione verrà utilizzata contro di noi in futuro. Gli individui hanno bisogno, quindi, di imparare alcune discipline velocemente.
Online non dovrebbero rispondere. Dovrebbero bloccare la discussione presto e spesso. Non dovrebbero mai discutere i nostri piani.

E tornando alla questione del narcisismo: molte persone trans sono, nel migliore dei casi, reclute riluttanti a combattere questa lotta. Non ci stancheremo di ripetere che è l’altra parte che è ideologica. Mentre il sentimento più comune espresso da attivisti trans molto anziani è il desiderio che potremmo tornare ad avere una vita normale.

Eppure alcuni membri della comunità trans prosperano sul dramma e sull’attenzione. Abbiamo quindi bisogno sia di concentrarci non solo sulla costruzione di una comunità attivista, ma anche di isolarci politicamente e praticamente dalle azioni di coloro che vedono tutto questo come base unica della loro azione. O come opportunità per loro di mettersi in mostra o, come attivisti che mantengono l’abitudine di farlo da soli. Né è utile.

Se ciò sembra pesante, dobbiamo concentrarci sulla gravità di questa lotta. Nel Regno Unito, in questo momento, gli attacchi alla comunità trans sono incessanti e terribili. Lo scopo dichiarato di coloro contro di noi è di privarci di tutti i diritti conquistati negli ultimi due decenni. Questo non è un semplice argomento filosofico, ma una lotta per la sopravvivenza.

E in questo contesto, giocare all’attivismo non è più accettabile. Possiamo solo essere seri. Mortalmente seri.

Posted in News From Abroad | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

From Italy: It takes a community to rape a woman

From time to time i add stories from abroad. Because they are news. Because they echo patterns of toxic behaviour we know all too well in the UK. Because – in my humble view – they deserve to be more widely reported.

This is from Italy: the original is here, written up by Eretica who is defo worth following. And if it is not obvious from the headline, TW for rape and VAW.

And one more health warning: this is a translation of a piece by someone i trust. I am not directly involved in any of these events and therefore if you know more or feel there are facts i have missed or omitted, feel free to comment. Continue reading

Posted in News From Abroad | Tagged , , , , | Leave a comment

“Let them eat pork!” The dishonesty of a French racist

Julien Sanchez, National Front Mayor of Beaucaire in Gard. Image © Yoann Gillet released under Creative Commons Sharealike License 4.0

If you thought there were no depths that the rabid right will not plumb in their hatred of Muslims (and possibly also Jews), here is a story from France that perfectly exemplifies the viciousness of their politics.

Yesterday (8 January), Julien Sanchez, National Front Mayor of Beaucaire (Gard) announced an utterly vital (editor’s note: I think you mean “petty”) measure for the health of his commune: a decree that in future those eating in school canteens on a Monday will be offered a pork-based dish with no alternative. Continue reading

Posted in News From Abroad, Uncategorized | Tagged , , , , | Leave a comment

The Foreshadowing

I have been here before. Many times.

I have been here. So often that I could describe every inch of the scene laid out before me with my eyes shut. Which is apt. For each visit has been in my dreams, beneath a blanket of warm, re-assuring sleep.

Behind me is the city. Here I was born, grew old. Through slow and painful teaching I learnt the secrets of the Guild. From a simple twisting of light to create illusion and entertainment I progressed to shaping, then creating matter. Finally, as my Mistress, my mentor and friend prepared to part this world, I learnt the opening of the cosmic portals: corridors connecting here to there across all of space and time.

To me, and to a handful of my classmates, the Guild surrendered its ultimate knowledge. Finally, the day arrived when I, too, put on the white mantle, signifying ultimate achievement.

Before me, the spring sun illuminates with cheerful optimism a clearing at the opposite edge of the bridge. Its brightness belies the slight chill that still permeates the air. Winter is not quite gone: yet there are hints of returning life. A scurry of rabbits run hither and thither across the space. In the trees behind, birds sing courting songs: their chorus of hope cuts through the sharpness of the morn. They have no inkling of the inferno to come.

All is as I remember: as it was each and every time before. Save one detail. She is not here. She, from my order, stood defiantly mid-bridge. In my dreams, it is always this woman I remember first.

Alone yet exuding quiet confidence. A slight wind blows over, tugging at the folds of her white robe. A wisp of hair dances around her ear. She stands, stood, should stand calmly waiting the fires of the Enemy.

This is the moment I fear more than any. The moment that my dreams turn to nightmare. For just as I recall each detail of a world stirring from winter slumber, so I know – have always known – after my first dreaming of it, what comes next.

I was nine when this vision first came to me. Nine and innocent and happy to stand by and watch and absorb the simple pleasure of it all. Perhaps I wondered what this woman was doing here. But I was not worried. Why should I be?

For seconds, minutes, hours – dream time passes strangely – I was content to observe.

Nothing could prepare me for what came next. The rush of heat and fire that came down the woodland road, turning trees, in an instant, from promise of life to come, into so much charred and blackened ash. The creatures, no warning given, were incinerated where they stood.

All that beauty changed, in an instant, to the stench of flame and death. This, I learnt later, was the mark of Him, the Tyrant, Hater of Life. So many worlds destroyed. So many lives lost. For what? Legend spoke of a searing intolerance for any and every thing He could not own, control, possess. This world, every world, if He prevailed, must be remade in his image – or it must burn.

There is never a time, in the years since, that I do not feel my body curl in upon itself in revulsion. The hot tears spring to my eyes: and I recoil, in disgust that any can have so little concern for their fellow beings.

And yet, each time, just as I feel myself plunging into the despair of this moment, she steps forward. My fear redoubles. What can she, this frail and elderly woman do against such violence?

“Go back!”, I want to cry. “Save yourself!” But no words will come. In this dream I have no part. I am but mute observer.

She does nothing, except perhaps shift her weight slightly, leaning forward on the stout wooden staff she carries. She tilts her head and speaks, so softly that the first few dreamings I missed her words entirely.

“Not this time”.

A whisper. A statement of fact, as all around her the air boils and the forest burns.

“Not this time”.

With a scream of rage, He is through the trees – what little remains of them – and He is there, across the bridge. I sense his presence more than see him: dark heart haloed by bloody red fire. A flame tongue darts out, narrowing the distance between the two: surely she must be consumed.

But no. Somehow the flame sputters and dies yards before her feet. It comes again. Again it dies. And again and again. So quickly, now, flame follows flame, that the woman seems surrounded: an oasis of tranquillity outlined in blood.

She has not moved. Nor has He. Impasse. I know – I do not know how I know – that unless she give way, he can come no further. That, so long as she stands, whether for a minute or an age, the city is safe. Behind her, life goes on as before. Or perhaps not.

She is here to buy time. She will hold Him at bay as long as it takes, while others prepare their escape. Her resistance is futile. In the end, He will prevail. For He is destroyer of worlds and she is but one woman alone.

Already I see the flames licking closer, wearing her down. Whether it come today, tomorrow, or the day after, the end is inevitable.

And then: nothing. Here, always, my dream ends. A woman alone on a bridge fighting a battle she cannot win. No matter how many times I have dreamed this, never have I dreamed past this moment. There is but one way this can end. But never have I seen that end. I am thankful for that.

So here I am again, on the bridge. Detached observer no more, I watch rabbits run, while birds sing in the trees. The moment is arrived and, as I have long feared, the dream was not nightmare, but prophesy. I cannot see him. Yet, behind those woods I feel His presence: the anger and violence that mark His coming.

All is as I dreamed, save one detail. Here I am on the bridge. Alone. And I know now that she is not coming. For she is here already.

I am not nine any more. I have grown old in the service of the Guild, whose white robe I wear. My hair is thin and grey. I waved goodbye to vanity many years hence. I carry a wooden staff, token of power and seniority. I, alone, can face the enemy and, for a short while hold him back.

I am not afraid any more. For this I have spent a lifetime preparing.

Across the clearing a blast of heat and energy reduces the tallest trees to nothing.

I shift slightly, leaning forward on my staff for balance. I turn my head. To myself and to no-one I whisper softly: “Not this time”.

Posted in Fantasy, Fiction | Tagged , , , | Leave a comment

Crime Bosses to sink teeth into food shortages as Brexit bites!

War time poster: “Dig for victory”

The boss of an East London crime cartel was today under fire from others in the criminal fraternity for not doing enough to prepare for a hard #Brexit Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment